Consumers Credit Union

Giulia Maesa - monete imperiali Romane

Imperatrice Giulia Maesa (?-223), nonna di Elagabal e Alexander Severus

Julia Mesa proveniva da un'influente famiglia del sacerdote del dio del sole Eliogabalo di Emesa, nella provincia della Siria.
Mesa sposò il console Gaius Julius Avitus Alexian. Avevano due figlie: Yulia Mameya e Yulia Soemiya.
Nel 193 la sorella minore Giulia Domna sposò Settimio Severo, che divenne imperatore quello stesso anno. La famiglia si trasferì a Roma.
Dopo la morte di Severo nel 211, suo figlio Lucio Settimio Bassiano (Caracalla) divenne imperatore e, dopo il suo assassinio nel 217, Macrino.
Il marito di Mesa morì prima del 217.
Avendo perso il marito e il figlio, Yulia Domna si lasciò morire di fame.
Macrinus non toccò Julia Mesa e conservò persino tutte le sue proprietà (anche se le ordinò di tornare in Siria), il che non le impedì di agitare i soldati contro di lui. Bassiano, figlio quattordicenne di Giulia, chiamato Eliogabalo, era il sacerdote del dio del sole locale, il cui enorme tempio era generosamente sponsorizzato dai re circostanti. Nelle vicinanze c'era un accampamento legionario e i soldati, impressionati dalla ricchezza, diffusero la voce messa da Mesa secondo cui Eliogabalo era il figlio illegittimo di Caracalla, aggiungendo che "la vecchia ha molto denaro", che avrebbe volentieri spartito con il legionari se aiutassero a restituire il potere alla sua famiglia.

I legionari si ribellarono, Macrino fu sconfitto e ucciso. Nel 218 Eliogabalo (come veniva anche chiamato in greco) fu proclamato imperatore dal Senato, Caracalla e Giulia Domna furono divinizzate, e Giulia Mesa e Giulia Soemia ricevettero i titoli di Augusta.

Di conseguenza, lo stato era governato da Julia Mesa. Eliogabalo si abbandonava alla dissolutezza e alla follia, e sua madre non era molto indietro in questo. Rendendosi conto che tale potere non sarebbe durato a lungo, Mesa convinse Eliogabalo ad adottare e dichiarare Cesare suo cugino Alessandro (figlio della sua seconda figlia Mamaea).

Alla fine, i romani si stancarono del costante bullismo e uccisero l'imperatore insieme a sua madre l'11 marzo 222. Alessandro Severo divenne imperatore.

Non si sa quanto Julia Mesa si addolorò per sua figlia e suo nipote, ma poi visse abbastanza prosperamente, pochi anni dopo morì di morte naturale nel palazzo e fu divinizzata.

 

 

moneta Impero Romano Giulia Maesa denario
IVLIA MAESA AVG
SAECVLI FELICITAS

denario 218-222
argento
20 mm.
Roma
Busto drappeggiato a destra / Giulia Maesa Augusta
Felicitas in piedi a sinistra, sacrifici sull'altare, nella mano sinistra caduceo / L'età della felicità
Valore - 60-80 USD

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ubisoft