Consumers Credit Union

Eliogabalo (Heliogabalus) - monete imperiali Romane

Imperatore Marco Aurelio Antonino "Eliogabalo" (218-222)

Antonino Bassiano nacque nel 204 dalla famiglia di Marcello, governatore della provincia di Numidia, e Giulio Soemia, figlia di Giulia Mesa, sorella dell'imperatrice Giulia Domna (moglie di Settimio Severo e madre dell'imperatore Caracalla). Il nonno di Bassiano (il padre di Julia Domna, Giulio Bassiano) era il sacerdote ereditario del culto del dio fenicio del sole Eliogabalo in Siria, e questa posizione passò a suo nipote dopo la sua morte.

Si diceva che la madre di Eliogabalo fosse stata l'amante di Caracalla in gioventù, e fu su questo che Giulia Mesa costruì un intrigo contro l'imperatore Macrino. I soldati della legione gallica, di stanza non lontano dal lussuoso tempio di Eliogabalo, dove era sacerdote il giovane Bassiano, affascinati dalla bellezza e dalla ricchezza del giovane, lo proclamarono Cesare e si ribellarono a Macrino, che non era popolare. Probabilmente anche il denaro della nonna di Bassiano (che prese il nome di Marco Aurelio Antonino, esattamente come Caracalla) ebbe un ruolo. Macrinus fu sconfitto, catturato e ucciso.
L'8 giugno 218, il Senato riconobbe Eliogabalo come imperatore e, a giudicare dai documenti, prese il potere subito dopo Caracalla e Macrino non esisteva affatto.

Eliogabalo (o Eliogabalo in greco) rimase il sommo sacerdote del dio con lo stesso nome e stabilì il suo culto a Roma, il che, in generale, non era una sorta di violazione: i romani riconoscevano tutti gli dei, compresi quelli stranieri. Ma Eliogabalo fu dichiarato la divinità suprema, più importante di Giove, e a molti questo non piacque. L'imperatore, con occhi e sopracciglia dipinti, con il viso sbiancato e le guance imbellettate, in costume siriano, alla presenza di tutti i funzionari di Roma, eseguiva il culto quotidiano davanti a una pietra a forma di cono (apparentemente un meteorite) portata da Emesa .
Poi sposò una vestale, cosa impensabile per i romani e suscitò uno sdegno ancora maggiore. Ma il giovane fu allevato nello spirito orientale e governò come un despota orientale, senza prestare attenzione a nulla. Sarebbe più accurato dire che viveva così, e che fu sua nonna, Julia Mesa, a governare per lui.
Circolavano molte voci sulla vita personale dell'imperatore, non si sa quanto attendibili, ma almeno nessuno negava la sua promiscuità sessuale, ad esempio si considerava la moglie di un certo Ierocle, un ex schiavo.

Giulia Mesa, rendendosi conto che non avrebbe potuto regnare in questo modo per molto tempo, convinse Eliogabalo a proclamare suo cugino Alessandro Cesare, presumibilmente per dargli un governo “formale”, mentre lui stesso si sarebbe concentrato sui doveri sacerdotali. Con riluttanza obbedì. Pochi mesi dopo, diffuse la voce sulla malattia mortale di Alessandro per mettere alla prova la fedeltà dell'esercito. L'11 marzo 222, i pretoriani chiesero un incontro con entrambi i co-governanti e, quando ciò ebbe luogo, solo Alessandro fu accolto. Eliogabalo chiese che gli apostati fossero giustiziati, ma invece lui e sua madre furono uccisi.

 

 

moneta Impero Romano Eliogabalo denario
IMP ANTONINVS PIVS AVG
P M TR P III COS III P P

denario 220
argento
17 mm.
Roma
Busto drappeggiato in una ghirlanda a destra / Imperatore Antonino Pio Augusto
Sol se n'è andato con una mano alzata, tiene la frusta / Grande Pontificio Tribuno della plebe Console 3 volte, Padre della Patria 3 volte
Valore - 50-70 USD

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ubisoft