Consumers Credit Union

Catalogo delle monete di Lucca

Città di Lucca

Lucca ottenne l'autogoverno nel 1084 con una carta dell'imperatore tedesco Enrico IV. Alla città fu dato il dominio de facto su una stretta striscia di sei miglia intorno alla città, sulla quale era vietato costruire castelli feudali. Alla fine Lucca divenne quasi completamente indipendente e si governò da sola, avendo acquistato i diritti dal marchese per 1000 solidi. Allo stesso tempo, Lucca faceva legalmente parte del Sacro Romano Impero.

Nel XIII secolo, il comune continuò a lottare contro i feudatari vicini fino ad assicurarsi il dominio su vasti territori e a competere con Firenze per la supremazia militare in Toscana. All'inizio del XIV secolo, dopo essere stata devastata dalla lotta tra i partiti politici guelfi bianchi e neri, la città fu conquistata da Uguccione della Faggiola con l'aiuto del vicario imperiale Castruccio Castracani, anch'egli nativo di Lucca. Il popolo lucchese, in seguito, rovesciò il governo di Uguccione e proclamò Castruccio capitano del popolo.

Il regno di Castruccio rappresentò l'apice della potenza di Lucca, i cui territori comprendevano la Garfagnana a nord, la costa da Carrara a Pisa a ovest e Pistoia a est (sotto Lucca e Firenze). Con la morte di Castruccio, lo stato di Lucca cadde sotto il dominio di una città o dell'altra, fino a quando l'imperatore Carlo IV concesse alla Repubblica di Lucca l'indipendenza in cambio di denaro, riducendo notevolmente il territorio.

In seguito, l'importanza della repubblica nella regione diminuì. Nei primi decenni del XV secolo, Lucca cadde sotto la tirannia della famiglia Guinigi. Tutte le cariche furono assegnate ai sostenitori della famiglia dominante. Al Consiglio Generale fu vietato di riunirsi: il suo ruolo fu assunto da una commissione di dodici o diciotto rappresentanti della casa regnante.

L'alleanza tra i Guinigi e il Ducato di Milano coinvolse Lucca in una devastante guerra contro Venezia e Firenze.
Nel 1429 Firenze assediò Lucca per vendicarsi dei Guinigi, che avevano sostenuto Milano nella guerra precedente. Dopo diversi giorni di assedio, Lucca chiese aiuto a Milano, che inviò Francesco Sforza in aiuto e costrinse i fiorentini a ritirarsi. Pochi giorni dopo i lucchesi arrestarono Guinigi.


Nel 1430 Lucca fu nuovamente assediata. Durante l'assedio della città, i fiorentini cercarono di fermare il fiume Serchio per inondare Lucca, ma per un errore allagarono il campo fiorentino. Milano, secondo il trattato, non poteva interferire negli affari di Firenze, ma Genova inviò un esercito di 6.000 uomini guidati da Niccolò Piccinino. Dopo una sanguinosa battaglia, le truppe fiorentine furono costrette a ritirarsi.

Da allora, tranne un breve periodo di dominio di Paolo Guinigi, Lucca rimase una repubblica indipendente fino al 1799, quando fu presa dalle truppe dei rivoluzionari francesi. Si formò prima una repubblica satellite sul modello francese e poi un possedimento della famiglia Bonaparte (il Principato di Lucca e Piombino) dato alla sorella di Napoleone, Elisa.

Dopo la Guerra di Liberazione, il Congresso di Vienna assegnò Lucca alla Regina vedova d'Etruria, che mantenne il titolo di Duchessa di Lucca fino alla sua morte nel 1824. Suo figlio Carlo Luigi governò il ducato fino al 1847, quando fu annesso al Granducato di Toscana.

 

 

Denar

moneta Lucca denaro senza data (1039-1125)
denaro senza data (1039-1125)

argento
con il nome dell'imperatore Enrico III (1046-1056)
H / ENRICVS
IMPERATOR / LVCA
Valore - $20-25

 

 

 

 

 

 

Ubisoft