Consumers Credit Union

Giulia Domna - monete imperiali Romane

Imperatrice Giulia Domna (170?-211), moglie di Settimio Severo

Julia è nata a Emessa siriana (ora Homs). Il soprannome Domna è una traduzione deformata del nome aramaico Martha, che significa signora. Anche sua sorella Julia portava il soprannome di Meza. Il loro padre, Giulio Bassiano, era un sacerdote ereditario del dio siriano Eliogabalo (letteralmente "Signore della Montagna"). Per montagna intendevano una pietra nera a forma di cono (o la montagna da cui si era staccata), alla quale venivano fatti sacrifici. Apparentemente si trattava di un meteorite, poiché le leggende dicevano che fosse caduto dal cielo.
Ai Greci il nome del dio sembrava simile a Helios, per cui identificarono Eliogabalo con il dio del sole, e successivamente il nome fu trasformato in Eliogabalo.

Giulio Bassiano era cittadino romano (come suggerisce il nome), e la sua posizione sacerdotale indica che apparteneva all'aristocrazia locale. Quindi Julia Domna proveniva da una famiglia siriana (ma ellenizzata) di cittadini romani rimasta fedele agli dei locali, che però non fu condannata da Roma. I romani generalmente consideravano esistenti tutti gli dei, compresi quelli stranieri, e introdussero prontamente nuove divinità nel loro pantheon.

Il futuro marito di Giulia Domna, Settimio Severo, da parte di padre apparteneva all'aristocrazia della città libica di Leptus Magna e pare avesse radici semitiche. La famiglia della madre era italiana. Grazie alla ricchezza e ai legami familiari (due membri di questa famiglia erano già senatori), Settimio Severo salì rapidamente. Dal 182 comandò una legione di stanza in Siria, dove probabilmente incontrò Giulia Domna. Settimio Severo era già sposato con Pacchia Marciana, ma lei morì presto.

Nel 185 Settimio Severo divenne governatore della Gallia Lugduniana e nel 187 sposò Giulia Domna. Lugdunum (oggi Lione) non è vicina alla Siria e organizzare questo matrimonio ha richiesto molto impegno. Apparentemente, nell'incontro precedente, la ragazza ha lasciato un'impressione indelebile su Sever. Tuttavia, i contemporanei non inclini al romanticismo credevano che fosse tutta una questione di astrologia. Presumibilmente, secondo i calcoli, era Domna l'ideale per il loro capo. In generale, il matrimonio è stato organizzato dalle stelle. A quel tempo questo era estremamente importante.
Ebbene, la dote per la figlia di un dignitario così importante doveva essere straordinaria.

Giulia Domna aveva circa 15 anni, Settimio Severo quaranta. Nel 186 o 187 nacque il bambino Lucio Settimio Bassiano. Come è facile intuire gli furono attribuiti cognomi sia da parte di padre che di madre, ma nella storia questo ragazzo è conosciuto con il soprannome di Caracalla, il secondo figlio nacque nel 189 e fu chiamato Geta in onore dello zio paterno.

Nel 189 Settimio Severo divenne governatore della Sicilia, nel 190 console, nel 191 governatore dell'Alta Pannonia. Dopo aver ricevuto la notizia dell'omicidio di Pertinace a Roma, i legionari rifiutarono di obbedire a Didio Giuliano, che comprò letteralmente il titolo, e proclamarono imperatore Settimio Severo. Il Senato lo riconobbe e Giulia Domna divenne Augusta.

Nel 202 Caracalla sposò Plautilla, figlia del prefetto del pretorio Plauzio, nemico di Domna. Egli diffuse voci sporche sul suo conto e cercò di estorcere testimonianze ai suoi servi, e lei mise Caracalla contro il suocero, che era l'uomo più potente di Roma dopo l'imperatore, ma, proprio per questo, era vulnerabile, poiché si considerava quasi uguale a Settimio Severo . La lotta continuò per più di due anni.

Infine, il 22 gennaio 205, in un'udienza con l'imperatore, Caracalla accusò Plauzio di preparare un colpo di stato, gli strappò il mantello e, indicando la conchiglia che era sul mantello, la dichiarò prova dell'infedeltà del prefetto. Le guardie imperiali uccisero immediatamente Plauzio e suo figlio e sua figlia furono esiliati.

Nel 208, l'intera famiglia imperiale si recò in Gran Bretagna, dove la presenza dell'imperatore era necessaria per sottomettere le tribù locali. Il 4 febbraio 211 Settimio Severo morì a Eburacum (oggi York).

Caracalla e Geta non si piacevano e questa antipatia alla fine si trasformò in odio reciproco. Il problema era aggravato dal fatto che lo stato, in effetti, aveva un doppio potere: entrambi i figli di Settimio Severo governavano insieme. Le cose andarono così male che c'era persino un progetto per dividere l'impero tra loro. Ma questo non durò a lungo, poiché Caraclla si rivelò più deciso e, ricordando la conclusione positiva della storia con Plauzio, annunciò una presunta cospirazione imminente e ordinò agli ufficiali di uccidere Geta.

Giulia Domna tentò naturalmente di ragionare con Caracalla, ma alla fine fece i conti con quanto accaduto e partecipò attivamente alle campagne del figlio, gestendo la corrispondenza, tanto che egli la citò sempre con il massimo rispetto nelle sue lettere al Senato. Allo stesso tempo, Cassio Dione afferma di non aver mai perdonato suo figlio e di averla segretamente odiata. Nel 217 Caracalla fu ucciso in una battaglia con i Parti e il prefetto del pretorio Macrinio divenne imperatore.

Julia Domna ha tentato il suicidio, come si diceva, per disperazione, in previsione di essere privata di onori e privilegi. Macrinius la rassicurò, assicurandole che tutto sarebbe rimasto uguale. Lei, tuttavia, intrigò contro il nuovo imperatore e, quando non ottenne il successo, decise di morire di fame. Non si sa con certezza di cosa sia morta, ma molto probabilmente non di fame, ma di cancro al seno, di cui soffriva da molto tempo. Senato delle sue divinità.

 

 

moneta Impero Romano Giulia Domna denario
IVLIA AVGUSTA
PIETAS PVBLICA

denario 199-207
argento
Roma
18 mm.
Busto drappeggiato a destra / Giulia Augusta
Pietas in piedi a sinistra, tiene le mani sopra l'altare / Pietà del popolo
Valore - 70-90 USD

 

 

 

 

 

 

 

 

Ubisoft